Puntini rossi sulle mani

Puntini rossi sulle mani

Principalmente citati per un puro danno estetico, i puntini rossi sulle mani possono riversarsi un problema alquanto fastidioso.

Oltre ad arrecare un certo qual disturbo visivo, che alla lunga può minare finanche le proprie relazioni sociali, questi puntini possono presentare episodi di prurito abbastanza persistente che si somma al disagio già presente.

In buona parte dei casi un simile disturbo è legato ad un problema associabile alla dermatite da contatto.

In seguito a queste manifestazioni si riferiscono episodi di bruciore, in ogni caso è utile consultare il parere medico per cercare di cominciare una cura.

Le cause

Andando ad indagare sulle possibili cause di questo problema, bisogna considerare che le mani entrano in contatto ogni giorno con una pluralità di elementi esterni.

Questi oggetti che fanno parte della propria quotidianità possono presentare delle possibili infezioni causate da batteri.

Il contatto con queste superfici può provocare in molti casi una reazione allergica seguita da sensazione di irritazione e prurito oltre alla manifestazione riferita ai puntini rossi sulle mani.

Sono diverse le cause che portano ad una dermatite da contatto, si può quindi delineare una lista di fattori di rischio che possono aggravare le condizioni e portare più facilmente ad una simile manifestazione.

L’eczema è quindi una malattia della pelle assolutamente non contagiosa che può manifestarsi sotto quest’aspetto.

I fattori di rischio che possono entrare nelle variabili di origine del problema riguardano in misura preliminare i prodotti utilizzati per la propria igiene.

Queste sostanze potrebbero contenere degli elementi che nel breve periodo non manifestano alcuna reazione sul proprio corpo; nel lungo periodo invece possono lentamente portare ad un decadimento della naturale protezione presente sugli strati più superficiali della pelle e portando a stati di infezione.

Questo meccanismo avviene con tutti i prodotti utilizzati quotidianamente, non solo i prodotti di igiene personale o intima quindi vengono citati.

Entrano nel gruppo delle sostanze potenzialmente dannose tutti i prodotti chimici come detersivi o schiume per capelli.

Possibili soluzioni

Nel momento in cui questi puntini rossi compaiono saranno accompagnati da altri sintomi come secchezza della cute e da una fastidiosa sensazione di prurito generale.

Occorrerà quindi consultarsi con il proprio medico per un parere preliminare in merito al trattamento di questo problema; in alcuni caso potrà essere utile il parere di un dermatologo per fugare dubbi maggiori.

È chiaro a tutti che in seguito ad una diagnosi di dermatite da contatto, bisognerà risalire all’elemento scatenante che ha permesso il proliferare dell’infezione e sospenderne l’uso.

Un ottimo punto di partenza per riequilibrare la situazione ormai compromessa è cominciare ad utilizzare prodotti cosiddetti ipoallergenici.

Questi prodotti infatti presentano una composizione chimica utile a ridurre al minimo il rischio per la salute umana interferisce molto meno nell’infezione arrestando il processo della malattia.

I primi risultati si riscontrano nella diminuzione delle sensazioni di prurito e secchezza della pelle.
Un secondo prodotto utile nella più generale situazione di infezioni della pelle è la crema protettiva o lenitiva di marchi leader nel settore.

Nel caso in cui questi puntini non siano accompagnati da prurito e secchezza il problema può essere generato da un’alterazione micotica dovuta ad un’infezione da funghi patogeni.

In questi casi sarà utile ascoltare il parere di un dermatologo che possa intervenire con una terapia adeguata.

Lascia un commento